Il Nanpu Dojo Cho è un dojo di arti marziali tradizionali giapponesi situato a Cosenza aperto per volontà di Shihan Ozon Karyu nel 2006. Da Settembre 2008 è ufficialmente guidato da Marco Massarotto sensei. Le discipline che vengono studiate e praticate sono principalmente lo Iaikenpo e lo Shinobi Bujutsu. Il Nanpu Dojo è costituito da un gioioso e determinato gruppo di appassionati che vuole diffondere e promuovere la pratica delle arti marziali tradizionali, non solo ai fini della difesa personale, ma anche e principalmente come mezzo di crescita interiore dell´individuo.

Praticare arti marziali classiche significa sviluppare considerevolmente le proprie capacità motorie, migliorando l´agilità, la prontezza di riflessi e condizionando il fisico alla resistenza ed alla fatica. Ciò non comporta generalmente un aumento della massa muscolare, ma una aumento della forza e della tonicità dei muscoli e dei tendini, nonché della loro elasticità.

La costante necessità di concentrazione, spesso obbligata dal maneggio di armi, permette di entrare in un mondo introspettivo, in cui si impara a conoscere meglio se stessi, i propri limiti fisici e caratteriali ed a lavorare per il proprio "automigliramento". Ciò è parte integrante dello spirito del Budo. Ma a differenza di ogni forma di sport, praticare arti marziali significa confrontarsi in ogni allenamento con la vita e con la morte, capire la portata della conseguenza delle proprie azioni e sviluppare uno spiccato senso del pericolo nella vita quotidiana che aiuta nella salvaguardia della propria integrità e incolumità, ma anche di quella delle persone che ci sono vicine. Ciò deriva proprio dalla consapevolezza che ogni errore commesso in allenamento sarebbe stato fatale in un reale confronto. L´allenamento è duro. Saper prendere decisioni rapide in momenti e situazioni di stress psico-fisico diventa lentamente diretta conseguenza della perseveranza dell´allievo. La capacità di mantenere la calma in ogni istante sotto le scomode ed insistenti richieste del proprio Sensei è un obbiettivo fondamentale che il praticante deve perseguire.

Ma la pratica delle arti marziali, oltre ad un aspetto pratico, ha anche un aspetto del tutto "artistico". Osservare uno Shihan (titolo che letteralmente significa "guerriero modello") eseguire dei kata dà una percezione di armonia, calma, forza, decisione, controllo, semplicità ed eleganza al tempo stesso. Il costante allenamento senza alcun dubbio sviluppa il senso estetico del praticante. Tutti i particolari di ogni movimento di ogni tecnica vengono meticolosamente curati, proprio perché sono quest´ultimi a fare la differenza nell´efficacia e al contempo nell´estetica del movimento. Il dojo è sempre aperto all´inserimento di praticanti dai 16 anni in su senza distinzione di sesso. Il Nanpu dojo periodicamente organizza uscite all´aperto tra gli alberi in montagna o sulla spiaggia, così che, attraverso l´allenamento a contatto con la natura, si trovi l´armonia che lo spirito del budo vuole creare in noi stessi e con gli altri.

Link   NINBUKAN HONBU DOJO